Intervista gotica a Edgar Atheling

Edgar Atheling

Uno degli obiettivi di GoticaTraLeRighe è quello di far conoscere meglio il mondo gotico e gli individui e le personalità che ne fanno parte.
Oggi abbiamo il piacere di proporvi la prima di quella che speriamo sia una lunga lista di interviste con persone che contribuiscono a loro modo a diffondere lo stile e la cultura gotica.

È un grande onore per noi poter passare un po’ di tempo e scambiare quattro chiacchiere con lo scrittore e poeta Edgar Atheling.

Ciao Edgar, benvenuto su GoticaTraLeRighe.

Buongiorno a Voi!

Innanzitutto, preferisci essere definito come scrittore o come poeta?

Scrittore o Poeta… bel dilemma! Diciamo che mi limito a riportare pensieri che nascono dal nulla…. O meglio trascrivo ciò che il subconscio mi suggerisce in determinate situazioni. 

Hai pubblicato nel 2017 una raccolta di poesie per la Book Sprint Edizioni “Tenebras et Lucem”. Puoi raccontare ai nostri lettori e a chi non ha ancora letto il libro di cosa si tratta?

Il fragore del silenzio - Edgar Atheling

Tenebras et Lucem è il proseguo de “Il Fragore del Silenzio” edito da Montecovello nel 2015. Entrambe le raccolte esprimono pensieri reconditi, riportati senza filtri così come arrivano. La particolarità degli scritti è proprio la misteriosa natura che essi hanno.
Spesso sono stato costretto a fermarmi durante la guida per trascrivere ciò che sorgeva dal nulla. Nessuno dei pensieri è stato studiato, il lavoro difficile è quello di associare la giusta immagine ad ogni pensiero.

Anche lo stile letterario utilizzato, da alcuni critici addirittura associato allo stile di Giordano Bruno, non è affine alla mia normale quotidianità. Come se qualcosa o qualcuno mi utilizzasse per fare da tramite, per esprimere le proprie angoscie o determinati stati d’animo.

Oltre ai primi due esiste un ulteriore libro ancora inedito, Vitam Perdidi, dove sono riuscito anche ad inserire qualcosa di personale pur sempre mantenendo uno stile letterario passato. Mi piace pensare di essere stato aiutato da ciò che materia non ha, ma fa comunque parte della mia vita.

Preparando questa intervista ho scoperto che Edgar Atheling è stato un re d’Inghilterra per un breve periodo nel Medioevo. Confesso la mia ignoranza, ma non ne avevo mai sentito parlare. Puoi spiegarci l’origine del tuo nome?

Edgar Atheling

Edgar Atheling nasce da una regressione effettuata a fine del 2012. La smisurata passione verso l’occulto, che mi caratterizza fin da bambino mixata ad un elevato livello di scetticismo, negli anni, mi ha portato ad approfondire sempre di più lo studio e la ricerca dei fenomeni paranormali, l’approfondita analisi di tutto ciò che viene definito, non correttamente, esoterico. Ho iniziato frequentazioni di nicchia e, perché no, instaurato profonde amicizie con praticanti del settore.

Una di queste è una Medium riminese e con il suo aiuto ho avuto modo di conoscere altre due persone dedite allo spiritismo, al culto dell’Antico Egitto e alla magia Wicca.

La mia curiosità, senza di essa non si arriva a nulla, mi ha spinto ad accettare di sottopormi ad una regressione cosciente. 

Accompagnato dalla voce delle due “streghe”, in piena consapevolezza di ciò che stava accadendo, sono riuscito a rivivere spicchi di vita pregressa e anche a descriverli con minuziosi dettagli.

In uno di questi frangenti ho iniziato a descrivere una scena di guerra, uno scontro tra cavalieri dove il caos la faceva da padrone e io, appostato sopra un’altura ammiravo con somma soddisfazione, la caduta del nemico. Ad un certo punto la Voce guida mi ha riportato davanti ad uno specchio e dopo avermi fatto descrivere ciò che vedevo mi ha chiesto il mio nome e, senza esitazioni, ho nominato Edgar Atheling, fino a quel momento per me un perfetto sconosciuto.

Ciò che ho descritto, folta barba rossa, una bandiera crociata attaccata all’alabarda e la scritta MCII intarsiata nell’elsa della spada sono stati gli indizi fondamentali per effettuare successive ricerche e capire cosa effettivamente fosse accaduto in quell’ora passata in altri tempi.

Il Re Atheling, cacciato dal Regno d’Inghilterra, aderì nel 1102 alla compagna Crociata in terra araba.

Edgar Atheling era soprannominato Edgar il Fuorilegge. Ti riconosci in questa definizione?

Edgar Atheling non era un fuorilegge ma un Re a cui non venne permesso di indossare la corona e, per interessi politici, radiato dal Regno….

Hai altri punti in comune con Edgar il fuorilegge?

Probabilmente la tenacia nell’affrontare le avversità e, perché no, la capacità quasi masochista di complicarsi la vita cercando sempre di porsi obiettivi inarrivabili.

Quando sei entrato in contatto per la prima volta con il movimento gotico? E cosa ti ha affascina di questa cultura?

Edgar Atheling

Onestamente non mi definirei propriamente gotico, non mi piace essere etichettato. Adoro il buio, l’oscurità sia materiale che emozionale, il nero è quasi fondamentale ma quello che mi caratterizza maggiormente è la voglia di pace. Costretto per lavoro a intensissimi rapporti interpersonali, adoro vivere la mia intimità esclusivamente in famiglia. 

La caratteristica che mi affascina di più è la coerenza nello stile. Pur essendo nate diverse sottoculture negli ultimi anni, il vero stile gotico è rimasto coerente ai suoi albori. Anche a livello architettonico non ci sono pari, dal Vittoriano a quello attuale rimane pur sempre uno stile senza pari dove l’immortalità dell’essere, seppur contorta e confusa, si assapora in ogni dettaglio.

Edgar, tu sei appassionato di esoterismo e ho scoperto che hai avuto esperienze legate al mondo paranormale. Puoi raccontarci qualcosa al riguardo?

Di tutte le indagini fatte sono rarissime le occasione per le quali si può raccontare di aver vissuto un qualcosa fuori dalle righe. Come ho detto anche prima sono profondamente scettico ma nonostante tutto posso assicurarvi che trovarsi nelle stanze di un castello mediceo completamente solo al buio e mentre stai cercando di registrare alcuni EvP ti senti stringere la gola come se qualcuno ti stesse strozzando per poi cadere in un profondo stato di angoscia e frustrazione fino ad arrivare a piangere così copiosamente da non riuscire più ne a vedere ne a parlare….. non so quanti dei miei colleghi possano raccontare di aver vissuto una cosa del genere

Anni fa sei entrato a far parte di un gruppo di investigatori del paranormale con il quale hai anche collaborato per alcune trasmissioni televisive. Ci puoi raccontare di queste esperienze?
Di che cosa vi siete occupati?

Ho collaborato per diversi anni con il Ghost Hunter Team, pionieri in Italia per il settore di ricerca fenomeni paranormali. Anni indimenticabili come indimenticabili le avventure affrontate insieme. Ora faccio parte del Team Silent, stessi obiettivi ma con caratteristiche di lavoro diverse. Personalmente ritengo che la collaborazione con le trasmissioni televisive sia un ottimo trampolino di lancio per farsi conoscere o perlomeno per farsi aprire determinate porte che altrimenti rimarrebbero blindate nei secoli. Tutto questo però non dovrebbe distogliere l’attenzione dal principio base cioè quello della conoscenza….

Apparire non è stato mai uno dei miei must, non me la vado a cercare.

Ritengo il lavoro di ricerca un arricchimento del proprio IO, lo sviluppo delle proprie facoltà è dato dalla conoscenza e non dai followers. Nel nuovo gruppo, nonostante l’intenso lavoro e le importanti collaborazioni di cui ci avvaliamo, cerchiamo sempre di rimanere in sordina o limitare le comparse dandone sempre un ben preciso motivo.
Ci sono state collaborazioni con radio nazionali, criminologi, scrittori, sensitivi o medium, fisici e scienziati di ogni sorta che, seppur conosciuti nei rispettivi ambienti si prestano ai nostri lavori, alle nostre uscite aiutandoci nell’analisi del materiale raccolto (video e audio) e alla valutazione di determinate circostanze dove vengono rilevate anomalie che nella maggior parte dei casi hanno origine naturale o tecnica ma non di certo paranormale.

È ancora attivo questo gruppo? Qual’è l’ultima cosa di cui vi siete occupati?

Qualche settimana fa siamo stati nella provincia piacentina ma essendo stati ospiti della curia ci è stato chiesto di non far alcuna pubblicità del luogo ne tantomeno delle motivazioni della chiamata.

Come anticipato, non siamo i soliti youtuber o video maker che generalmente si seguono sul web. Le nostre indagini sono generalmente svolte in forma privata o limitate a pochi proprio perché mirate a determinate circostanze.

Se sento parlare di investigatori del paranormale, non posso fare a meno di pensare a Dylan Dog e Martin Mystère 🙂
Li conosci? Cosa ne pensi?

Tra i due ritengo ci sia un profonda differenza. Martin Mystère si dedica agli studi del paranormale dopo la morte dei suoi genitori e come figura professionale è molto affine alla nostra. Il buon Dylan Dog invece fa parte della cultura horror, spesso arricchita da mostri o comunque da circostanze poco realistiche ma, senza alcun dubbio, di gran interesse.

Per quel che riguarda la tua attività di scrittore, hai qualcosa in cantiere? Stai lavorando ad un nuovo libro? Puoi darci qualche anticipazione?

Finita la terza opera, Vitam Perdidi, ormai già da un po’ di tempo attualmente sto vivendo un periodo di profonda transizione. Alcune scelte di vita tra le quali un trasferimento per lavoro da Milano alle fantastiche terre toscane, mi stanno mettendo a dura prova ed quindi ho scelto di alzare la penna temporaneamente anche se ogni tanto quella “vocina” cerca di urlarmi qualcosa nell’orecchio ma al momento preferisco tenerla solamente per me.

Edgar, ti ringrazio molto per questa nostra chiacchierata, mi ha fatto molto piacere.

Grazie a GoticaTraLeRighe per avermi ospitato!

Edgar Atheling

Grazie mille a Edgar Atheling, un personaggio sicuramente originale che va ad arricchire il movimento gotico con la sua originalità, la sua creatività e la sua visione del mondo.

Spero che questa chiacchierata vi abbia fatto piacere!
Diteci nei commenti cosa ne pensate e se volete che ne realizziamo delle altre.

Tenebras et Lucem. Aforismi e Pensieri

Edgar Atheling

⬅️ Acquistalo ora! 📓

0 Commenti

Lascia un commento

empatizzòlogo skullflowbanner pubblicitàbanner pubblicitàbanner pubblicitàbanner pubblicità
privacy policy - cookie policy - condizioni generali
Copyright 2021 - Gotica tra le righe. All rights reserved
created by advancedweb.ch

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account